Arpaterapia

Arpaterapia&Co.



Eleonora Perolini

Cosa e' l'Arpaterapia?


In generale il Musicologo è uno storico, più che un filosofo, che accentra gli studi attorno alla documentazione che trova ed accumula. Se la musica esprime ciò che non si dice con le parole, il tentativo in gran parte della Musicoterapia è di rivelare il messaggio che le vibrazioni sonore hanno trasmesso (anche inconsapevolmente) sin dalle loro origini. Attraverso l’esposizione obbiettiva dei fatti, integrata dall’intuito, il pensiero di Schopenhauer inerente alla filosofia della musica “che cosa è, come è formata, che cosa vuol dire, come si collega con l’umanità e il mondo”, dimostra straordinaria avvedutezza, corroborata e rafforzata in seguito da ulteriori teorici. Molto stimolante è la concezione della forza della musica oltre ogni spazio, che si estranea da idee pessimiste che predominano nella sua visione del mondo e che fanno intravedere un lume di speranza, forse inconsciamente accordatogli dall’ascolto continuo di musica in occasioni e momenti ripetitivi come il dopo cena.


“Potrei dire qualcosa a proposito del modo in cui la musica è percepita - continua Schopenauer - entro e attraverso il tempo soltanto assoluta esclusione di spazio e a prescindere anche dall’influenza della conoscenza del caso. Perciò senza la comprensione sono i suoni che fanno l’effetto dell’impressione estetica, senza obbligarci a ritornare alle loro cause”.


Ogni individuo “sente”. In America la concezione del “sentire” è tradotta col verbo “feel” da qui la parola feeling. Sentire in senso di emozione, coinvolgimento, interiorità. La musica ha questo potere. Può entrare in ognuno di noi, produrre effetti diversi, speciali, irripetibili, unici. Che possono anche modificarsi con l’andare del tempo conservando i valori iniziali.


Il benefico raccordo tra musica e benessere è stato appurato stabilmente. La musica suonata con l’Arpa apporta un piacere particolare stimolando attraverso le onde acustiche fantasia e creatività. Oltre all’effetto appurato su anziani cognitivi e non, l’ascolto di questo strumento viene impiegato da strutture aziendali che prevedono corsi di formazione e antistress, ottenendo momenti di rilassamento atti a incrementare la produzione successiva, da centri di Yoga e Tai Chi, Centri Termali, Centri di Massaggio, dove vengono strutturati spazi di relax e di benessere. Anche nel campo della riabilitazione l’avvicinamento a questo strumento può giovare non solo con l’ascolto ma anche provando l’emozione di accarezzare le corde e producendo quelle armonie che così sembrano ancora più vicine. Negli Stati Uniti si sono prefissi di inserire nell’organico sanitario un’arpista per ogni ospedale entro il 2020. In Italia esistono già situazioni che avvicinano l’Arpa alla sfera del benessere e in ambito sanitario, apprezzando i benefici terapeutici offerti da questo magico e affascinante strumento. L’Istituto Geriatrico Piero Redaelli di Milano, nel reparto Hospice, ha creato da qualche mese gli incontri con l’Arpa di Eleonora Perolini che, dopo qualche primo assaggio sperimentale in rinomati istituti Neurologici ed un cammino prettamente in ambito sanitario, è attiva in diverse strutture sul territorio nazionale.

“La musica ha quasi sempre effetto calmante – dice Eleonora Perolini che un anno fa ha aperto a Biella la prima scuola di Arpa Curativa Italiana – Nel caso dell’arpa entrano in gioco le vibrazioni emesse dalle lunghe corde dello strumento. Vibrazioni che sembrano muovere l’anima e il corpo, che raggiungono il sentire dell’individuo in modo da esercitare un massaggio interiore, in particolar modo sugli anziani. Pare che le corde dell’Arpa vibrino con lo stesso principio della voce umana e raggiungano così il sentire emotivo della persona creando un benefico effetto interiore e uno stato di calma e rilassamento. Tutto questo è dovuto al fenomeno acustico delle onde sonore create dalla percussione della corda che vanno a produrre una condizione di benessere esercitando un effetto calmante e stimolando un vero e proprio massaggio corporeo dovuto alle vibrazioni solo se prodotte dal vivo, semplicemente, senza l’uso di alcuna apparecchiatura. Ecco quindi il benefico risultato del rapporto musicale di bambini difficili, donne in gravidanza, malati terminali, tossicodipendenti e anziani.” Che la Musica faccia bene a qualsiasi età è già stato più che dimostrato. In diverse direzioni, con metodologie diverse si è sottoposto il pubblico, di genere ed età diversa, alla Musicoterapia in ogni più ampia specie. “L’idea di offrire agli anziani la possibilità di avvicinarsi alla musica in modo utile, concreto e soprattutto guidato, - continua Eleonora Perolini - nasce da osservazioni sulla longevità dei musicisti. Statisticamente, i musicisti sono tra i soggetti più longevi della razza umana. In particolar modo le arpiste. Tutto questo lascia pensare che le vibrazioni che raggiungono l’anima, l’interiorità di questa categoria, possano in qualche modo essere componenti di un risultato che, in un’era come la nostra, con malattie mortali che colpiscono in tutte le direzioni, è decisamente curioso e interessante. Molte possono essere le componenti dovute a questo risultato. Sebbene il lavoro del musicista porti a stress, a tensione, basse restano le percentuali di morte dovute a infarti, collassi, ecc....”

E questo a che cosa può essere dovuto… “Uno dei fattori può essere – sottolinea Eleonora Perolini - indubbiamente l’attività fisica. Secondo alcune ricerche americane, pare che certi piccoli movimenti del nostro fisico (come spostarsi i capelli, gesticolare e tamburellare con le dita) portino il nostro metabolismo a funzionare in modo continuativo “sforzandosi” di fare in modo inconscio dei piccoli movimenti “contro natura” svegliando così certi punti del nostro organismo. Seguire il tempo ritmico, tirare delle corde, battere le bacchette sul tamburo, sono sicuramente gesti anomali che fanno scattare in ogni individuo un meccanismo di risveglio per certe parti del corpo esterne e interne che mai avrebbero esercitato certi movimenti in modo dolce e attivo, senza essere provocati in modo volontario. Geniale è il coinvolgimento della mente in ogni rapporto musicoterapeutico. In primo luogo ogni gesto è comandato dal cervello, in modo volontario. A ciò si associa l’ascolto del suono che costringe il movimento ad essere effettuato in quel preciso istante: la mente dipende dalla musica”. Le tecniche che funzionano meglio derivano da discipline orientali come “Yoga” e meditazione dove l’ascolto e la consapevolezza del proprio corpo sono basilari. Ma qual è lo scopo dell’ascolto dell’Arpaterapia? “Visti i risultati ottenuti con maggior naturalezza fino ad oggi – dice Eleonora Perolini - credo che il rilassamento sia il fine di tutto. Sembra strano ma quando suono specie le persone anziane si assopiscono e quindi, rilassandosi, respirano in modo tranquillo, senza ansia. Lo squilibrio della respirazione è molto frequente anche se non sempre evidente. Non si sfrutta tutta la capacità respiratoria di cui si dispone. La maggior parte respira abitualmente in modo superficiale, utilizzando solo una parte dello spazio disponibile nei polmoni e ha dimenticato come si respira in profondità. E’ sufficiente osservare un neonato o un bambino piccolo per ricordarsi come si respira in modo rilassato ed efficace. La nostra respirazione dipende da come usiamo il nostro corpo e da come ci sentiamo. La rigidità fisica è invariabilmente accompagnata da una cattiva respirazione e una cattiva respirazione è la conseguenza di una rigidità fisica. Tutto questo cresce quando i soggetti sono anziani e dove comunque l’emotività e l’ansia diventano componenti di stress per ogni individuo”. E dopo il risveglio? “Non è un sonno profondo, le persone si rilassano e in quel frangente di tempo si lasciano coccolare dalla musica rilasciando la tensione muscolare e facendo sorgere il bisogno di liberare ed esprimere i propri sentimenti. In modo particolare questo avviene quando coadiuvato dalla musica dove emozione e fantasia sono alimentate dalle vibrazioni sonore. Quando i sentimenti vengono trattenuti o repressi per anni il diaframma (muscolo che controlla il processo respiratorio) può irrigidirsi e comportarsi come un coperchio. I sentimenti repressi, di collera o di dolore probabilmente sono stati accumulati in anni di controllo delle emozioni che non sono mai state proposte né espresse. In questo caso la respirazione è sicuramente superficiale e in qualche misura limitata. Gli anziani sono sicuramente i soggetti che portano con sé la storia della propria vita e nella maggior parte di casi vivono nell’incapacità di esternare i propri sentimenti. Questo porta a situazioni di ansia, cattivo umore, mancanza di serenità quindi inappetenza, crisi depressive e quanto segue”. “La Musica – conclude Eleonora Perolini - è base fondamentale di tutto. Un individuo anziano tramite una seduta terapeutica con una respirazione regolare trae sicuramente beneficio, rilassamento e giovamento per il prolungarsi dei giorni. E’ essenziale la terapia di gruppo dove si alternano gli esercizi di respirazione e ascolto con canti e semplice ascolto di musiche adatte e letture di poesie”.


VUOI DIVENTARE UN'OPERATORE DI ARPATERAPIA?

CORSO IN ARPA CURATIVA

ACCADEMIA ARPADEMIA ACQUI TERME


Sono aperte le iscrizioni al master in arpa curativa.

Sono in programma incontri con arpa-terapeuti di altre nazionalità al fine di coordinare e capitalizzare le esperienze di vari paesi.

Il presente corso di specializzazione organizzato da Arpademia e continua il primo e unico attuale percorso annuale di formazione in arpa curativa (arpaterapia non è concesso l'uso della parola con significato in italiano terapeutico) sul territorio nazionale e una delle pochissime e preziose attività formative che creano valore aggiunto nel mondo della formazione e sulla proiezione dell'ambito lavorativo in qualità di professionista d'arpa.

Una particolare attenzione verrà dedicata all’utilizzo dell’arpa (con strumenti diversi a disposizione in loco per verificare dal vivo la differenza della vibrazione della corda con principi fisici), formazione in ambito di cultura Ayurvedica, uso della voce e delle vibrazioni, l'arpa in ambito sanitario in clima diversamente abile, ecc... Saranno proposti protocolli d ricerca in Milano e in Acqui Terme per poter affacciarsi subito in un percorso che non sarà solo di abilità e conoscenze ma direttamente espresso in competenze.

Al compimento del percorso verrà consegnato

 l' “Attestato in Operatore di Arpa in ambito Sanitario e nella sfera del Benessere"


Per informazioni ed iscrizioni: arpademia@gmail.com 



IMG_20190321_183113
IMG_20190321_192311
IMG_20190321_194937
WhatsApp Image 2019-05-16 at 10.45.55 (1)
IMG_20190407_111720
IMG_20181118_180548
WhatsApp Image 2019-05-16 at 10.45.55
IMG_20190406_102945
IMG_20190328_134456
IMG_20190605_152930
52901645_2045027312240961_566800679364984832_o
52971411_2045026888907670_3459521136734240768_o
53169367_2045027025574323_3839002701589381120_o
53036287_2045026752241017_6998490282157146112_o
IMG_20190627_190044
IMG_20190627_194832


La scuola di musica di chi ama davvero fare musica.


Siamo una realtà conosciuta e apprezzata nel panorama musicale italiano. Siamo attivi a Acqui Terme e ad Alessandria in Piemonte da più di 20 anni e  nell’hinterland milanese a Burago di Molgora in Brianza.


Abbiamo creato un metodo didattico unico, che viene applicato da tutti gli insegnanti in tutte le lezioni di strumento, dal pianoforte al violino,  dalla chitarra alla batteria; nella musica d’insieme, di gruppo e per qualsiasi genere, dalla musica classica alla musica moderna, dal rock, al jazz, al country ed inoltre  lezioni di canto, solistico e di gruppo.


Chi ama la musica  studia, canta, compone, si diverte,  sogna, vive le sue passioni alla Mozart2000 School!

.

CORSI

KINDERMOZART

da 0 a 10

Da noi  i bambini possono fare musica in libertà.

Leggere le note, suonare uno strumento da soli o in gruppo, cantare, improvvisare, il tutto con un metodo unico e divertendosi un mondo! Da zero a 12 anni.




CONTATTI

mozartduemila@yahoo.it

328-9367407

Istituto Musicale MOZART2000

Corso Cavour, 1 15011

Acqui terme - AL -

LATEST NEWS


ISCRIZIONI

INFORMATI SUBITO SULLE ISCRIZIONI 2016/2017 CON SCONTI DEL 10% PER I NUOVI ISCRITTI FINO AL 15 AGOSTO SULLE QUOTE ANNUALI



CONTATTA LA SCUOLA


DOMANDE SULLA MOZART2000?

Se hai domande sulla Mozart2000, sulle modalità di accesso, vuoi prenotare una prova gratuita è possibile entrare in contatto con noi via e-mail mozartduemila@yahoo.it

oppure telefonando

al numero 328 9367407

© Copyright. All Rights Reserved.